• baby

CONSIGLI

Succhiare, un istinto naturale

Fin dal momento della nascita, il neonato soddisfa attraverso il seno materno non solo la necessità di alimentarsi, ma anche il suo bisogno di affetto. È quindi normale che tra una poppata e l'altra senta la necessità di cercare un sostituto del biberon o del seno materno.

Per numerosi bambini, dai primi giorni di vita fino all'età di 3 anni, il succhietto o il dito pollice diventano amici inseparabili sempre pronti a consolarli.

Succhiare è una necessità

Durante i primi tre mesi, la necessità di succhiare si trasforma in un bisogno indipendente dalla sensazione di fame. Assieme al pianto, è un metodo che il bambino utilizza per ridurre tensioni e rilassarsi. Ma i mesi passano...e il succhietto diventa una presenza che ricorda al bambino l'immenso piacere della vicinanza della madre. Per questo motivo, dopo i primi sei mesi la necessità di suzione diventa meno intensa e il succhietto o un dito si trasformano in un oggetto che fa compagnia al bambino nei momenti in cui richiede conforto: per andare a dormire, quando non c'è la mamma vicino, ecc. Ma oltre a consolare, il succhietto incrementa l'autonomia del bambino, perché gli permette di soddisfare da solo la necessità di contatto o compagnia. Sia il succhietto che il dito pollice sono considerati strumenti che aiutano il bambino ad avvicinarsi alla realtà esterna.

Meglio il succhietto del dito

Il succhietto è meglio del pollice perché esercita una pressione inferiore sui denti e quindi diminuisce il rischio di deformare l'arcata dentale e quindi una chiusura incorretta della bocca. Inoltre, è molto più semplice controllare l'uso del succhietto e decidere quando eliminarlo, contrariamente al pollice...sempre a portata di mano.